Economia domestica for DUMMIES (part I)

Parola chiave di oggi è OTTIMIZZARE. Spazio, tempo, cibo. Abbiamo sempre meno tempo a disposizione, lavoriamo sempre di più e aspiriamo a mettere da parte un gruzzoletto, avere uno stile di vita sano, un buon fisico che ci permetta di vivere in pace con noi stessi (raro) o (più spesso) fare felice il/la compagno/a o suscitare l’invidia del vicino d’ombrellone alla prima giornata di sole. Ottimizzare lo spazio di casa e renderlo più abitabile, in modo da ritrovare una dimensione nuova, che non riduca le 4 mura a dormitorio o un divano e una tv. Ottimizzare il tempo a disposizione, far fruttare quello libero, agevolarci e risparmiarci perdite di tempo future. (Ripetizioni infelici, ahimè).  Ottimizzare le il cibo di cui disponiamo, non sprecare, riutilizzare, riciclare. Ma andiamo per gradi. Il primo esercizio di oggi è quello dell’armadio.

Ora, care donnine (soprattutto, ma anche i maschietti sanno fare capolavori), aprite l’armadio. Osservate bene. Scoppia? Quante cose indossate realmente e quante campeggiano in attesa di passare a miglior vita divorate dalle tarme? I cimeli storici tipo foulard-che-avevo-al-mio-primo-appuntamento consunti,impolverati,superati. E’ ora di capire quante tonnellate di cose compriamo (oh ma è in offerta!!) di cui non abbiamo nessun bisogno o che mettiamo una volta sola o addirittura mai, e iniziare a fare shopping dai nostri armadi: REINVENTARE, RICICLARE, DONARE. E non sono ammessi i “Ma non si sa mai..lo tengo ancora un po’,potrebbe servire per un carnevale”. Per dimostrarvi che non predico e basta, aprirò le porte dei miei armadi e..lo farò anch’io!

BEFORE

armadio20                       armadio21

AFTER

armadio22

Ben 4 sacchetti colmi di vestiti portati alla Caritas. Io faccio posto e ordine nell’armadio e altre persone possono usare cose che giacevano da tempo inutilizzate! Non ci vuole poi molto in fondo e ci si sente pure più liberi!